Cognomi Gorenjska: come e perché è stato creato il cognome Gerjolj, così come Grjol e Gerjol

Cognomi Gorenjska: come e perché è stato creato il cognome Gerjolj, così come Grjol e Gerjol

Il venerdì Gorenjski glas pubblica una nuova rubrica dal titolo Gorenjski priimki. È preparato dal professore di storia Tino Mamić, autore del libro Cognome, loro origine e significato. Finora sono stati descritti i cognomi Naglič, Nagel e Starman. Oggi è la seconda parte dell'articolo sui cognomi Gerjolj, Grjol e Gerjol. Oggi, invece, sarà la volta del cognome Lombergar.

Gerjolj è un cognome Pograj che ha avuto origine al confine tra Notranjska e Gorenjska. Pertanto, si trova in entrambe le province. È una specie di cognome endemico, cioè esclusivamente sloveno. Lo troviamo in tre versioni. Tra i noti portatori di questo cognome c'è Adolf Gerjol (1915-2002), atleta e dentista di Lubiana, dove suo padre aveva una locanda. Durante le guerre, Dolfe Gerjol era un giocatore della squadra di calcio slovena e un membro della squadra nazionale di Lubiana. Dopo la guerra visse a Škofja Loka, dove fondò il club sportivo Partizan. Il più famoso è il preside della Facoltà di Teologia di Lubiana, dott. Stanko Gerjolj (1955), dottore in teologia, pedagogia e psicologia. È un sacerdote e un membro dell'ordine dei lazzaristi. La Gestalt ha portato la pedagogia in Slovenia, che tratta l'uomo nel suo insieme.

Gorenjski glas iniziò ad essere pubblicato nel 1947. Ha un'immagine della Gorenjska, fretta slovena accanto al suo nome, che è anche collegata al primo cognome descritto. La direttrice e redattore capo è Marija Volčjak. L'azienda Gorenjski glas ha anche una propria tipografia a Kranj, considerata di alta qualità, ha il proprio portale Gorenjskiglas.si e pubblica anche una serie di giornali locali. La voce esce a Kranj il martedì e il venerdì. È il giornale più importante della Gorenjska, con una tiratura di 19.000 copie e un pubblico di 65.000 lettori. Il giornale è in vendita nelle edicole e il prezzo di una copia è di 1,85 euro.

“I cognomi sono la nostra identità. Ogni cognome ha la sua storia, così come ogni genere ha la sua storia. Trovare le radici è importante, perché aumenta anche la fiducia in se stessi ", afferma l'autore della colonna.

Maggiori informazioni sul suo libro possono essere trovate anche nel programma televisivo: CLICK

Condividi con gli altri

Marina Bratina

Articoli Correlati